Categorie
Etiopia - Storia, Costumi e Territorio Guerra Italo-Etiopica

L’Abune Petròs: Martire Antifascista

Statua commemorativa, attualmente sita in Addis Abeba, dell’Abune Petròs, capo della Chiesa Etiope che durante l’invasione fascista si rifiutò di riconoscerne l’autorità, predicò forza e coraggio ai patrioti della resistenza e fu infine fucilato ignobilmente dai fascisti, martirizzato come gli apostoli.

Un esempio eroico di sacerdozio cristiano, offerto per la causa della libertà e dei diritti umani, che denuncia l’ambiguità e debolezza morale del papa di Roma suo contemporaneo, che invece sosteneva la guerra e il regime irrazionale di Mussolini per gli interessi politici del Vaticano e per paura di ritorsioni.

Condividi:
Categorie
Musica Regale

Sizzla Kalongi bacchetta gli Artisti Reggae Rasta

Sizzla Blasts Rastafarian Reggae Artists For ‘Being Hypocrites Unto To Themselves, Haile Selassie And Jamaica’

“Abbiamo un sacco di artisti Rasta, facciamo milioni di dollari dal nome e dalla cultura di Rastafari – dobbiamo cominciare con noi stessi; non stiamo andando al tabernacolo. Non conosciamo la venerazione; non conosciamo l’inno dell’Etiopia; non conosciamo i Salmi; non sappiamo come tenere la bandiera. Non sapete nulla di un Binghi; non sapreste fare nulla a Bobo Hill, ma cantate delle belle ragazze”

“Ho bisogno di vedere Buju Banton, Capleton, Bugle, Sizzla, tutti gli artisti della Jamaica che hanno i locks sulla testa, che quando giunge il compleanno di Selassie (23 Luglio, ndt) si suppone stiano al tabernacolo; una volta che portate il turbante sulla testa, si suppone che stiate alle Twelve Tribes, con i Nyabinghi o all’Ethiopian World Federation, o presso una Chiesa Ortodossa Etiope”.
Sizzla Kalongi
Condividi:
Categorie
Babilonia

G7 e Neo-Colonialismo

Il G7 è un organismo politico illegittimo, che favorisce le potenze capitaliste occidentali secondo criteri arbitrari di potere economico, ed esclude tutti i “paesi in via di sviluppo” e le potenze emergenti asiatiche e africane.
Se volessero governare il mondo secondo legalità e democrazia, utilizzerebbero il Consiglio di Sicurezza e l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, così come sarebbero legalmente tenuti a fare, per trovare soluzioni comuni in trasparenza e parità mondiale. Ma poiché non vogliono né parità né trasparenza, in 7 prendono dittatorialmente decisioni per tutti.
Sono le potenze che si accordano illegalmente tra di loro dal dopoguerra, le stesse che per 400 anni hanno occupato e schiavizzato il Sud del Mondo, determinando, nella loro competizione, lo scoppio delle guerre mondiali. Hanno rinunciato all’imperialismo militare per assumere una forma più sottile, ed hanno ora in mano il sistema bancario e finanziario mondiale.
Haile Selassie I ci insegna che il colonialismo, come un cattivo spirito, “si reincarna in forme nuove”, sempre più discrete e sfumate, diabolicamente aggrappato al privilegio di cui sopravvive. Quelle stesse potenze coloniali e capitalistiche, avvertita la recente crisi del sistema economico neo-coloniale, sono ora in prima linea nella gestione dell’emergenza medica, evolvendo l’esercizio del loro potere nella forma di una tecnocrazia sanitaria, come al solito indifferente ai diritti umani e imbevuta di magagne e contraddizioni.
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Babilonia trae beneficio dalla discordia

“Che le passate potenze coloniali stiano beneficiando dal creare discordia, in Africa e in altre parti del mondo, tra popoli geograficamente, economicamente, storicamente e etnicamente connessi, al fine di mantenere la loro passata autorità, è cosa risaputa non soltanto da coloro che sanno leggere, ma anche dagli analfabeti.”

— Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I —

Condividi:
Categorie
Babilonia

VAX VEX

Somministrare un farmaco forzatamente, a chi non ci crede, non lo vuole o non se la sente di prenderlo, è una pratica anti-medica, oltre che lesiva dei diritti umani, dacché la partecipazione e tranquillità psicologica del paziente è uno dei prerequisiti per la giusta efficacia del farmaco.
Obbligare ad assumere un farmaco senza che lo stato si prenda formalmente la responsabilità legale di risarcire e pagare per eventuali errori, è giuridicamente inammissibile.
Obbligare ad assumere un farmaco prima che siano passati 10 anni di osservazione sperimentale, è irresponsabile e politicamente delinquenziale, e non si è mai visto storicamente prima con nessun vaccino.
Obbligare milioni di persone a prendere un farmaco che non vogliono, significa creare un esercito di innocenti perseguitati che risponderanno con la forza agli atti di forza, e produrranno tensioni civili inimmaginabili.
Un’idea sconsiderata che stanno cercando di ottenere con la massima fretta, poiché in tutto questo gioco, i grandi miliardi del capitalismo sanitario e le sue scadenze finanziarie contano palesemente di più della salute e dei diritti dei cittadini, e c’è un banchiere a dirigere la baracca, che gli Italiani non hanno mai votato e forse nemmeno mai considerato per il governo.
Democrazia Ipocrisia. Non hai niente da insegnare a nessuno, né al talebano né al cinese né all’africano. Hai soltanto in mano la corruzione coloniale del mondo da 500 anni e pagherai per tutte le tue responsabilità, con la stessa moneta.
Condividi:
Categorie
Babilonia

Il Mosè “Cornuto” a Roma

Sapevate che la chiesa cattolica ha per lungo tempo, in accordo alla tradizione latina, raffigurato Mosè con corna di diavolo ?
Guardate il dettaglio del celebre “Mosè” di Michelangelo. Ovviamente, si tratta di una rappresentazione anti-biblica e falsificata, ma la storia di questa curiosa interpretazione è molto illuminante riguardo alla stessa natura della Chiesa Cattolica e della sua fede.
La causa è nella traduzione latina della Bibbia fatta dal celebre Gerolamo, la cosiddetta “Vulgata” , che presenta un gravissimo fraintendimento. In Esodo 34:29, laddove la Bibbia Etiopica, così come tutte le altre versioni antiche, riporta:
“Quando Mosè scese dal monte Sinai con le due tavole nelle sue mani, non sapeva che il colore del suo volto fosse stato glorificato mentre parlava con Dio.”
Gerolamo invece dice:
“Cumque descenderet Moyses de monte Sinai, tenebat duas tabulas testimonii, et ignorabat, quod CORNUTA ESSET FACIES SUA ex consortio sermonis Domini”.
Ha detto, perciò, che la faccia di Mosè era diventata “cornuta” mentre parlava con Dio. Perché l’abbia fatto è oggetto di supposizione, probabilmente un fraintendimento dall’ebraico “qaran” che significa “raggiante” ma richiama nella radice “qern”, corno. Tuttavia, gli Ebrei non hanno mai interpretato l’iconografia di Mosè in questo modo, e la traduzione greca della Septuaginta è totalmente priva di tali riferimenti.
Ecco, un esempio perfetto per comprendere che la loro traduzione, così come la loro tradizione, è un tradimento (stessa parola).
E mettono le corna allo Spirito di Dio, e rendono i profeti diavoli. Specialmente nel caso della Chiesa Romana, che ha completamente dimenticato tutte le prescrizioni di Mosè e che mangia porco con entusiasmo e passione, il fenomeno sembra pieno di senso culturale.
Ed è “il colore del volto di Mosè” la radice letteraria di tutto questo, a denunciare simbolicamente la falsificazione del volto di Cristo e dei profeti, e l’artificiale “romanizzazione” e “sbiancamento” di una cultura afro-orientale.
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Attendere l’Arcobaleno

“Sorgeranno molte ore scoraggianti prima che l’arcobaleno delle mete conseguite appaia all’orizzonte”.
— Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I —
Condividi:
Categorie
Comunicazioni Generali

Benvenuti – Melkam !!!

Il Blog di RastafarI Regna è costantemente aggiornato e si propone di offrire un servizio informativo completo riguardo al movimento Rastafari e a tutto ciò che gravita intorno ad esso.
Vi invitiamo a commentare e contribuire liberamente, in spirito di amore e rispetto. Per contattarci, scriveteci a questo indirizzo:

info@rastafari-regna.com

Vi ringraziamo dell’attenzione !!!
Jah Liveth For I-va More !!!
Condividi: