Categorie
Haile Selassie I - Testimonianze

Università di Montreal, Canada – 1954

Olivier Maurault, Rettore dell’Università di Montreal, Canada.
Montreal, 4 Giugno 1954
Vostra Maestà,
la Vostra visita è un grande onore per noi. Diamo il benvenuto e salutiamo la Vostra maestà con sincera gioia.
Stiamo rendendo omaggio al supremo governante che regna sul più antico trono della Cristianità, al capo dell’Etiopia millenaria, il figlio dell’illustre padre, il coraggioso e saggio Principe Imperiale ras Makonnen, il più eccezionale statista del rigenerato regno di Menelik e Saba.
Il vostro regno, più grande della Francia, enorme blocco di montagne d’alta altitudine che emerge dai bassipiani tropicali tra il Nilo e il Mar Rosso, immenso altopiano tagliato da bruschi canyon in cui spesso scorrono fiumi torrenziali, il vostro regno è stato chiamato il bastione dell’Africa. A nord c’è Aksum, la vostra città sacra, che esisteva già mille anni prima di Cristo; a sud c’è Harar, la vostra città natale; al centro Addis Abeba, la vostra capitale. Essendo uno dei paesi più pittoreschi del mondo, l’Etiopia possiede questa caratteristica unica: è un regno Cristiano che esisteva al tempo dell’imperatore Romano Costantino, ‘un’enclave di Cristianità, isolata e preservata, in mezzo all’Islam’. Le conquiste islamiche hanno inondato le terre Mediterranee 13 secoli fa. Hanno immerso l’Egitto, la Siria, la Tripolitania, il Maghreb, la costa orientale dell’Africa, fino a Zanzibar. Questa ondata, irresistibile per altri paesi, non ha potuto conquistare l’Etiopia. Voi siete il governante di questo paese.
Stiamo salutando in voi, Maestà, l’uomo di pace e legge. Persino da giovane, vi fu dato il governo di una provincia distante e difficile. L’avete governata con sapienza. Più tardi, la Provvidenza volle affidarvi responsabilità maggiori: vorrei menzionare qui la Reggenza del regno, di cui vi siete assunto il compito dal 1916. Avete portato questo carico con coraggio inflessibile, con umiltà e carità. Nei giorni infelici di commozione interna che seguirono la morte del vostro famoso predecessore, l’Imperatore Menelik II, voi supportaste la causa della Santa Croce, come in passato il grande imperatore Romano Costantino, e come lui, spesso posto da solo contro potenze più forti, avete vinto. Ma, meglio di lui, nel tempo del vostro trionfo, siete rimasto giusto e misericordioso verso i vostri nemici. Ne seguì un difficile periodo di transizione che avete padroneggiato con abilità. Al tempo del vostro accesso al trono di Salomone e dei vostri avi, nel 1930, una nuova epoca iniziò per il vostro Impero. L’adattamento dello Stato alle moderne correnti fu incoraggiato da Vostra Maestà; voi lo faceste ammettere alla Società delle Nazioni nel 1923, voi gli deste un Parlamento. Poco dopo questo successo, fu volontà di Dio Onnipotente mettere alla prova voi e il vostro popolo con la piaga della guerra, dell’invasione e dell’esilio.
Al vostro ritorno nella vostra capitale alla testa di un esercito, nel 1941, vi siete affermato, senza amarezza e evitando la vendetta, come capo dell’Etiopia. In ogni materia, grande o piccola, il vostro paese ha ricevuto la vostra guida e il vostro incoraggiamento.
Le grandi menti spesso si rivelano nelle piccole cose. Come posso dimenticare che Vostra Maestà, non molto tempo fa, ha onorato la nostra Università con un prezioso dono di libri Etiopi ? Nel mezzo dei problemi di Stato avete trovato tempo e modo per spargere la mostra munificenza verso il nostro centro culturale, così distante e così nuovo per voi.
Nella vita di un uomo ci sono poche cose più felici del rievocare le disavventure passate. Diciotto anni fa, eroe di una causa che sembrava persa, avete parlato dinanzi ad un’assemblea internazionale, indifferente, sgradevole, ostile, e vi siete appellati al giudizio di Dio e della storia.
Noi tutti temiamo il Dio della Giustizia, ma la storia, la grande custode della volontà di Dio sulla terra, vi ha reso giustizia: avete sopportato la durezza con pazienza e il vostro trionfo fu una vittoria dell’uomo franco che ha portato avanti il combattimento del Signore.
Signori: la comunità delle idee non conosce confini o divisioni. Il trionfo di uno è il trionfo di tutti. Nel riconoscimento di ciò, ho l’onore di conferire la laurea di Dottore dell’Università di Montreal a Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I, Eletto di Dio, Leone Conquistatore della Tribù di Giuda.”
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Il Messaggio del Re per la Comunità Afro-Americana – 1963

“Non potremmo mai dimenticare l’aiuto che l’Etiopia ha ricevuto da parte dei Neri Americani durante la terribile crisi del 1935.
I Neri Americani hanno mostrato grande solidarietà per la nostra causa e ci hanno teso una mano di fratellanza. Quella fu la nostra grande ora di bisogno. Mi commosse sapere che gli Americani di discendenza Africana non abbandonavano i loro fratelli in battaglia, ma stavano dalla nostra parte. I legami che legano gli Etiopi ai Neri Americani sono storici e forti. Spero che questi legami persistano e siano rafforzati per il nostro vantaggio reciproco.
Seguiamo con il più grande interesse la lotta del popolo di colore degli Stati Uniti per conseguire uguali diritti e dignità umana, e continueremo a seguire il progresso di questa lotta con intensa pena e intenso piacere.
Pena perché il popolo di colore in America fa esperienza di disuguaglianza e persecuzione; piacere a motivo degli sforzi che adesso vengono compiuti negli Stati Uniti dai Neri stessi e dal governo per restaurare la libertà, i diritti e i privilegi della gente di colore, a cui sono stati così a lungo negati. Speriamo – e continueremo a lavorare per questo – nella veloce e soddisfacente soluzione del problema razziale negli Stati Uniti. Vogliamo che i nostri fratelli di colore in America sappiano che siamo con loro nella loro grande lotta per la giustizia.
Noi in Africa desideriamo il successo di questa lotta. Riaffermo personalmente la nostra basilare unità di proposito. Quello che noi Africani e gli Americani di colore cercano è identico. Entrambi desideriamo dignità e libertà e una fine all’oppressione e discriminazione basata sul colore.
La discriminazione viola i diritti umani fondamentali, viola le leggi di Dio e anche le leggi dell’uomo. Non posso enfatizzare troppo fortemente l’importanza che questo problema della discriminazione razziale ha nella mia mente. Io credo che sia i paesi dell’Ovest che i paesi dell’Est dovranno collaborare per rimuovere questo problema che è il flagello del genere umano.
Sono compiaciuto di notare che il Presidente Kennedy e il suo governo stanno facendo grandi sforzi per risolvere il problema razziale.
Vorremmo vedere più Americani di colore venire in Etiopia per lavorare ed aiutare il nostro popolo a sviluppare il nostro paese e migliorare gli standard di vita della nostra popolazione. Essi possono rendere una valida assistenza. Le nostre porte sono aperte. Sfortunatamente, pochi Afroamericani sono venuti sino ad ora, ma saranno calorosamente accolti.”
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Intervista per la Rivista Statunitense Ebony
Dicembre 1963
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Testimonianze

“Ebony” – Rivista Statunitense della Comunità Afro-Americana – 1963

Allan Morrison, Giornalista di “Ebony”, Rivista Statunitense della Comunità Afroamericana
Chicago, Usa
Dicembre 1963
L’Imperatore Haile Selassie è anche chiamato Re dei Re, Leone Conquistatore di Giuda, Eletto di Dio e Difensore della Fede. Un giornalista che ha incontrato l’Imperatore in Africa una volta osservò: ‘Quando volge quegli occhi su di te, hai una sensazione divertente come se ti stessi squagliando.’
(…)
‘Se esiste qualcosa come <<un’aria regale>>, l’Imperatore ce l’ha’, osservò un importante ufficiale del Dipartimento di Stato Statunitense, che accompagnò il monarca di un metro e sessanta nella sua visita di otto giorni negli USA.
(…)
In un fresco mattino d’Ottobre, l’Imperatore Haile Selassie ha compiuto in parte la profezia biblica che l’Etiopia avrebbe un giorno ‘steso le sue mani’. In quell’occasione, il piccolo uomo che per una sola drammatica ora nel 1936 divenne la coscienza del mondo, ha teso la mano della fratellanza a 20 milioni di Americani di discendenza Africana, incitandoli ad avere fede nel loro futuro come uomini liberi, e ad andare avanti con la loro corrente lotta per la libertà fino alla vittoria. Egli ha anche incitato i Neri Americani a riconoscere il loro coinvolgimento nella lotta dell’Africa contro il colonialismo.
La visita di stato di otto giorni dell’Imperatore (la sua seconda) agli Stati Uniti ha risvegliato immagini che ancora persistono dopo 27 anni, immagini di un monarca barbuto in groppa ad uno stallone bianco, alla guida di Etiopi scalzi contro l’esercito Italiano invasore. Lance Etiopi che duellano contro mitragliatrici Italiane. Pietre che sfidano il bombardamento aereo. Ardente patriottismo contro gas venefici. E l’Imperatore Haile Selassie che si appella alla Società delle Nazioni per aiuto, e che predice accuratamente che la caduta dell’Etiopia avrebbe fatto risuonare la campana della morte della Società.
Questo fu il mio secondo incontro con il leggendario Re dei Re. Il primo confronto ebbe luogo nel 1961 nello studio riccamente ornato del suo palazzo dorato ad Addis Ababa.
(…)
Il mio secondo incontro fu più breve. L’Imperatore Haile Selassie mostrò una rimarchevole compostezza sotto le domande a raffica, ed era pronto a continuare l’intervista a tempo indeterminato se i suoi impegni l’avessero permesso. Si scusò per la chiusura dell’intervista, spiegando che la città di New York aveva organizzato una parata per dargli il benvenuto, e doveva esserci. (…)
“L’Imperatore Haile Selassie è il 225° capo del più vecchio stato indipendente del mondo, una nazione di 3000 anni che, come è stato osservato, ‘è emersa quando l’Inghilterra e la Francia non erano state concepite, e gli Stati Uniti erano inconcepibili’. Ma mentre contempla l’esteso passato della sua nazione, il monarca di 72 anni non perde di vista il presente.”
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

L’Armoniosa Saldatura di Vecchio e Nuovo

“E’ un ovvietà che l’uomo sia mortale, ma i suoi conseguimenti durante il suo breve soggiorno sono vitali sia per la storia che lascia dietro di sé che per i benefici che ne trae la posterità.
Ciò è illustrato dal fatto che siamo in grado di soddisfare i requisiti del nostro tempo primariamente a motivo dei nostri antenati, che oltre a trasmetterci i benefici della tradizione, hanno versato il proprio sangue per salvaguardare l’indipendenza e l’integrità territoriale della nostra nazione.
In questa era, metodi, pensieri e idee moderne hanno soppiantato i vecchi modi; ma a motivo della nostra tradizione siamo stati in grado di muoverci con il ritmo dei tempi, e di mantenere ancora il nostro senso della proporzione. Sebbene molto sia stato votato all’ottenimento di un’armoniosa saldatura di vecchio e nuovo, in una maniera accettabile per tutti – la vecchia, la giovane e le future generazioni – rimane ancora molto da conseguire. A chi non piacerebbe vedere il suo neonato come un giovanotto di 5 o 10 anni ? Ma questo è contrario al piano della natura.”
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti Poesia Spirituale

Educazione non è Mera Informazione

“La persona educata di cui l’Etiopia ed i paesi del suo livello hanno bisogno non è quella che ha stipato pezzetti di conoscenza dentro la sua mente. L’individuo educato di cui si ha bisogno è quello che usa le idee che ha ottenuto dalle sue lezioni, dai suoi libri, e dalle sue discussioni per il miglior vantaggio del proprio paese e del proprio popolo. È colui che dissemina nuove idee in armonia con gli aspetti economici e sociali della propria comunità così che siano realizzati fruttuosi risultati. Questa è la persona educata che può mostrare segmenti della conoscenza che ha accumulato nel suo apprendimento, e inventiva in una nuova situazione.#HaileSelassiePrimo
Puoi accumulare
files e informazioni
come bytes
di Bill Gates
archivio storico
grandi volumoni
memorizzare
formule e soluzioni
come pure
etichette di nozioni
riempire
il magazzino
di grossi faldoni
come negli uffici
di Palazzo Grazioli,
senza comprensione
s’ammasseranno
polveroni
non si passerà
per i portoni
occupando spazio
senza ragioni
o criteri
in mezzo
a queste confusioni
non troverò
le giuste documentazioni
né assolverò
ai miei doveri,
posso leggere una frase
impararne i suoni
senza capirla
come intelligenze artificiali
magari
formidabili calcolatori
computer e palmari
ma stupidi come pirla
senza chi digita
le istruzioni,
l’Etiopia non vuole topi
roditori di materia grigia
né dottori
di pappardella
meccanica
quantitativa
e cinica
senza qualità
spirituali
di coscienza viva
decani d’astrazioni,
vuole una mente critica
che conosce ed usa
i valori
di ciò che studia
che pratica e opera
nella cultura
che indipendente
elabora
le convinzioni
della sua propria natura
attraverso la mistica,
conoscere le azioni
del Signore
e non avere interpretazioni
nella dignità teologica
delle Scritture
è come un bel corpo
senza spirito
che freme
per le illusioni
senza fede
è soltanto un cadavere
che qualcun altro muove
per strade insicure.
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Difendersi da Propaganda e Disinformazione

“Vorremmo rammentarvi, infine, che tutti voi siete, per razza, colore, sangue e costume, membri della grande famiglia Etiope. Sebbene possano esserci dei dialetti locali, dovete sempre sforzarvi di preservare la nostra unità e libertà. Possiamo conseguire ciò soltanto con una stretta cooperazione e uno sforzo unificato, e lottando fermamente contro tutta la propaganda che tenta di rompere l’unità dell’Etiopia e violare la sua libertà. E’ un atto ostile ma facile, diffondere notizie irresponsabili, provando ad indurre il popolo a tradire il proprio paese e uscire dal sentiero della verità e dell’amore per il proprio paese. E’ un’assunzione di grande responsabilità dare un consiglio e una guida utile e solida a qualunque osservatore intelligente che voglia ascoltare e trarre profitto. Un tale consiglio e una tale guida costituiscono una reale fonte di vita, poiché rivelano il sentiero della verità e preservano l’ascoltatore in terra e in cielo. Così come ogni individuo ha il dovere di sacrificare la sua vita per il suo paese, ugualmente egli deve difendersi dalle notizie sovversive e dalla propaganda. Non dovete credere a coloro che, non essendo capaci di pensare con chiarezza o di conseguire le proprie ambizioni, provano a spezzare l’unità del paese con notizie maliziose, al fine di ottenere benefici personali temporanei.”
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Imparate le Lingue

“La differenza di linguaggio spesso crea incomprensioni, e può influire seriamente sulle responsabilità che vi vengono conferite. La mancanza di conoscenza del linguaggio nazionale sarà una barriera per l’educazione che abbiamo in mente per voi. In aggiunta al vostro linguaggio nazionale, è per voi necessario acquisire la conoscenza di una lingua straniera, poiché in questo modo non acquisirete soltanto l’educazione basilare, ma sarete anche in grado di raggiungere lo standard universitario. E’ imperativo che incoraggiate i vostri figli ad acquisire educazione. E’ estremamente difficile per voi compiere i vostri doveri come membri del Parlamento attraverso interpreti. Abbiamo aperto la porta all’educazione, ed è vostro dovere usare quell’educazione. Se, in virtù della pigrizia, non vi avvarrete di questa opportunità, condannerete voi stessi all’ignoranza.”
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Liberazione Africana

1 Marzo 1896 – La Gloriosa Vittoria di Adwa

1 Marzo 1896 – Gli Etiopi guidati dall’Imperatore Menelik II sconfiggono gli italiani ad Adwa, nel Nord dell’Etiopia.
Il contingente italiano fu astutamente accerchiato e completamente distrutto. I pochi superstiti furono fatti prigionieri, e prima di restituirli all’Italia, l’Imperatore Menelik fece loro costruire la Chiesa di San Giorgio in Addis, in cui verrà incoronato Haile Selassie I nel 1930.
In seguito a quell’evento, il governo italiano presieduto da Crispi cadde. Era la prima volta, nel corso della storia coloniale, che uno stato africano riusciva a sconfiggere una potenza occidentale, e la notizia fece presto il giro del mondo dando speranza a tutte le popolazioni africane oppresse.
Haile Selassie I aveva 4 anni all’epoca. Suo padre Ras Makonnen, ritratto in evidenza nei dipinti tradizionali, fu il generale maggiore di Menelik II e si distinse per l’eroismo, decapitando una quantità notevole di aggressori.
La tradizione vuole che San Giorgio in persona abbia combattuto al fianco degli Etiopi, e per questo viene sempre ritratto all’orizzonte circondato dall’arcobaleno. L’arcobaleno, degli stessi colori della bandiera etiopica, testimonia che Dio è dalla parte degli Etiopi.
Nelle icone etiopi tradizionali che descrivono la battaglia, gli Italiani sono ritratti di un solo colore di pelle, mentre gli Etiopi sono colorati con differenti sfumature alternate. Questo per testimoniare che la società etiopica è sempre stata multi-colore e multi-razziale, e non ha mai concepito le filosofie di discriminazione, anti-cristiane e indegne, che avrebbero invece plasmato così drammaticamente la storia dell’Italia.
Haile Selassie I disse a riguardo:
“Appena settant’anni fa, le armate Etiopi si formarono quasi come se per magia, e si scagliarono contro un invasore avido per guadagnare l’immortale trionfo di Adua.
La vittoria di Adua è stata a lungo salutata come uno dei maggiori eventi del diciannovesimo secolo in Africa. I suoi effetti sull’Etiopia e sulle sue relazioni con le potenze coloniali furono di vasta portata. Certamente essa preservò l’antica indipendenza della nazione dalle avide incursioni che allora venivano compiute altrove contro i nostri fratelli, su questo continente.”
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Leggi e Governo

Il Non-Allineamento e la Conferenza di Belgrado del 1961

Nel Settembre 1961, Haile Selassie I partecipò attivamente alla Conferenza di Belgrado, che portò alla costituzione dei Paesi Non-Allineati.
Essi rifiutavano di principio la guerra fredda e qualunque influenza politica di blocco, comunista russa o capitalista statunitense, dacché rappresentava in ogni caso una forma di imperialismo militare contrario al diritto internazionale e all’ordine legale vigente, stabilito legittimamente e universalmente dalle Nazioni Unite in seguito alla vittoria sul Nazi-Fascismo con la Seconda Guerra Mondiale.
La lezione dell’Imperatore d’Etiopia, impartita in quel congresso internazionale oltre 60 anni fa, è profeticamente valida e reclama l’attenzione dei popoli e dei governi senza coscienza:
“Le nazioni che sono rappresentate qui oggi hanno risposto all’invito a presenziare alla Conferenza degli Stati Non-Allineati. Potremmo utilmente chiederci, come un primo essenziale passo per esercitare i nostri propri termini di riferimento e per formare un approccio comune ai problemi che ci siamo riuniti a considerare, cosa intendiamo con il termine ‘non-allineato’.
Potremmo dire che nessuna nazione qui si sente così pienamente entro la sfera d’influenza di uno di questi due gruppi da non poter agire indipendentemente da essi e contrariamente ad essi qualora scelga così e così dettino gli interessi della pace mondiale. Intendiamo, insomma, che noi tutti siamo, in senso ultimo, neutrali nella guerra fredda che infuria senza placarsi nel mondo oggi.” (…)
“Essere neutrali significa essere imparziali, imparziali di giudicare azioni e politiche obbiettivamente, così come le vediamo o contribuire o detrarre alla risoluzione dei problemi del mondo, la preservazione della pace e il miglioramento del livello generale delle condizioni di vita dell’uomo. Dunque, potremmo trovarci ora ad opporci, ora a supportare, ora a votare con, ora a votare contro, prima l’Est, poi l’Ovest. E’ il valore delle politiche stesse, e non la loro fonte o sponsor, che determinano la posizione di colui che è veramente neutrale.
Questa, Noi sosteniamo, è l’essenza del non-allineamento. Quelli che denuncerebbero rettamente una parte su ogni problema o questione maggiore, riservando nient’altro che lodi all’altra, non possono rivendicare di essere non allineati, e neppure coloro le cui politiche sono formate per essi altrove, e che aspettano pazientemente di essere istruiti se essere a favore o contro, possono essere chiamati non-compromessi.
Noi in Etiopia sentiamo di aver conseguito crescente successo nell’incarnare questo concetto nelle nostre relazioni internazionali. Per molti anni abbiamo portato avanti relazioni amichevoli con le nazioni dell’Ovest e dell’Est. Abbiamo ricevuto aiuto economico e assistenza tecnica da entrambi, Ovest ed Est, senza in nessun modo compromettere la nostra indipendenza nel dare un giudizio sulle questioni che sono sorte tra i due, non ci siamo mai impegnati in attacchi ingiustificati verso alcuna delle due parti, ma allo stesso tempo non abbiamo mai esitato a essere critici verso entrambe quando abbiamo sentito che le loro politiche richiedessero o meritassero criticismo.
Soltanto questa definizione di non-allineamento o, se ci piace, di neutralità, servirà nel mondo moderno se intendiamo apportare onestamente la nostra influenza sui problemi del giorno presente. E’ nell’implementazione di questo concetto che noi, le Nazioni Non-Allineate, abbiamo il nostro ruolo da svolgere, un ruolo che, a meno che non lo compromettiamo, può contribuire incommensurabilmente alle cause gemelle di giustizia mondiale e miglioramento del genere umano. Se leviamo le nostre voci contro l’ingiustizia, ovunque sia trovata, se chiediamo di fermare l’aggressione ovunque si verifichi e sotto qualunque guisa o marchio l’aggressore sia tale, e se lo facciamo su una base interamente imparziale, possiamo servire da coscienza collettiva del mondo. D’altra parte, sacrificheremo rapidamente e certamente questa posizione privilegiata se ci riveliamo faziosi da una parte o dall’altra dall’inizio, se ascoltiamo soltanto con un solo orecchio una parte soltanto, e agiamo a sprezzo del principio di imparzialità.” (…)
“L’azione di blocco implica, all’interno del gruppo, l’esercizio di pressioni sui membri recalcitranti, il compromesso delle posizioni, il sacrificio del principio per l’espediente politico, il commercio di voti per voti e l’adesione alla regola del quid pro quo. Tutte queste cose non sono coerenti con la fonte reale del nostro potere: l’elemento morale nella condotta degli affari umani. Quanto spesso noi tutti, alle Nazioni Unite, abbiamo assistito allo spiacevole spettacolo di nazioni che votavano contro la loro volontà, a volte contro i propri interessi, come parte di un blocco. E come abbiamo applaudito le occasioni in cui i membri di un gruppo, a sprezzo delle politiche e degli auspici dei leader del gruppo, hanno votato in accordo al principio e al diritto così come loro li hanno visti.” (…)
“Le Nazioni Unite forniscono la strumentalità con cui il principio della Sicurezza Collettiva, a cui Noi personalmente abbiamo votato il tempo della Nostra vita, consegue reale e tangibile esistenza e significato. Se la forza deve essere impiegata nel mondo oggi in resistenza all’aggressione e nel mantenimento della pace mondiale, certamente è preferibile che essa sia impiegata attraverso un’istituzione come le Nazioni Unite, nel perseguimento delle decisioni internazionali arrivate lì legalmente e apertamente. L’Etiopia non ha esitato a rispondere nel passato con tutte le risorse a sua disposizione alla chiamata delle Nazioni Unite in tempo di crisi, e non esiteremo a farlo di nuovo qualora la chiamata dovesse essere fatta.” (…)
“Il difetto più ovvio che osserviamo nelle Nazioni Unite oggi deriva dal fatto che questa Organizzazione, nel 1961, rimane la stessa identica entità che fu creata sedici anni fa a San Francisco. Il suo corpo di membri si è più che raddoppiato da 46 a 99 nazioni, ma la sua struttura rimane la stessa, e nessuna misura è stata presa per assicurare che adeguata rappresentanza nei suoi organi costituenti sia garantita ai popoli che hanno, sin dal 1945, preso il loro posto in questo corpo mondiale. Non ci deve essere negato e non ci verrà negato questo diritto – poiché questo è un diritto e non un privilegio.”
**********
Da oltre 60 anni siamo abituati ad assistere all’ipocrisia di una nazione allineata come l’Italia, che supporta le invasioni del suo blocco in Iraq, Afghanistan, Libia, ma condanna con lacrime e cerimonie le invasioni di un altro blocco. Offre il massimo sostegno ad operazioni puramente coloniali dall’altra parte del mondo, dagli esiti disastrosi, in territori di diversa storia, etnia, religione, e poi si straccia le vesti quando c’è uno scontro militare tra due popoli confinanti che hanno condiviso la medesima storia politica fino a pochi decenni fa. E spariscono di colpo, dalla propaganda mediatica, sia la minaccia incombente del terrorismo islamico che la malattia più tremenda della storia.
Un’aggressione è sempre un’infrazione della legge internazionale, non deve essere approvata in nessuna maniera e non rappresenta una soluzione, ma soltanto il peggioramento di ogni causa e il pianto degli innocenti. Ma per contribuire alla pace, bisogna riconoscere con giustizia che si tratta di una reazione, seppur illecita, a tutta una politica di interferenza ed oppressione altrettanto illecita da parte degli Stati Uniti, in quell’area e altrove, che deve essere anch’essa ripudiata da ogni paese libero, e terminata. Quando Cuba installò missili nucleari sovietici vicino alle coste americane, gli Stati Uniti minacciarono il conflitto mondiale ed imposero un embargo spietato ed affamante, senza alcuna autorizzazione internazionale. Oggi si pretende invece che la Russia accetti i missili americani in Ucraina, pacificamente e in silenzio.
Le politiche internazionali non devono essere determinate dal G8 ma dalle Nazioni Unite. Tutti gli eventi devono essere esaminati e giudicati legalmente dalle Nazioni Unite, e gli Occidentali non hanno alcun diritto di giudicare, intervenire militarmente o imporre sanzioni senza l’autorizzazione delle Nazioni Unite. E le Nazioni Unite devono essere pienamente potenziate: si deve rimuovere l’obsoleto potere di veto delle “potenze vincitrici”, e quello deve essere considerato l’ambiente democratico fondamentale di ogni relazione e decisione internazionale.
L’Italia è stata il campo di battaglia di questi delinquenti per tutto il periodo delle stragi e del terrorismo; è stata insanguinata e deviata per decenni dalle trame di questi eversori e cospiratori; verrà coinvolta anche questa volta dai conflitti e dalle varie ritorsioni economiche, e come sempre piangeranno e pagheranno i poveri del popolo. Forse è tempo di Non-Allineamento anche per l’Europa, per la sua stessa integrità e salute, e di studiare finalmente le lezioni politiche dei maestri giusti.
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Testimonianze

Università di Cambridge – Laurea ad Honorem in Legge – 1924

Cambridge, 18 Luglio 1924
Dr. E. C. Pearce, Vice-Cancelliere dell’Università di Cambridge:
Conferendo a Sua Altezza Reale Tafari Makonnen, la laurea onoraria di Dottore in Legge.
“Il poeta Omero dice che gli Etiopi sono senza colpa. Erodoto dice che vivono a lungo, probabilmente poiché non usano vino. E’ un fatto assodato che la razza che rifiutò il tributo ai Persiani e a Cambise abbia resistito anche ad altri, una razza molto gelosa della sua libertà.  Chi non sa che la Regina di Saba, condotta dalla fama di Salomone, giunse con cammelli portando spezie, oro e gemme, per mettere alla prova il Re con indovinelli, e che tornò al suo paese per essere madre dei re, che attraverso i secoli dovrebbero vantarsi d’essere del seme di Davide ?  Chi non sa della Regina Candace e della Chiesa fondata tra gli Etiopi ? Tutto questo è storia antica, e la fama eterna lo stabilisce. Queste cose e le tradizioni degli Etiopi sono state date più tardi agli Inglesi da un uomo di Cambridge, del Christ’s College.
E’ presente con noi l’erede della Regina Giuditta che, seguendo le orme del suo saggio antenato, come lui supera in sapienza tutti i re dell’Est e dell’Egitto. Non c’è nulla di nuovo e nulla di vecchio che non lo interessi. Egli indaga le antichità Cristiane, ma è anche curioso delle novità. Ha compiuto un volo aereo, scritto libri sui suoi viaggi e su San Crisostomo, e ha tradotto in Amharico gli scritti di Sant’Isacco sull’ascetismo. Questi libri, stampati nella Tipografia di proprietà del Re, li troverete nella Biblioteca della nostra Università. Egli ha inoltre costruito scuole per l’educazione superiore dei ragazzi e del clero della sua terra.
Un così grande re, perciò, di stirpe Reale e carattere Reale, ospite e alleato del popolo Britannico, vi presento Tafari Makonnen, la speranza degli Etiopi.”
Condividi: