Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Usate i vostri Poteri Produttivamente

“In particolare, la nostra gioventù deve essere decisa e trarre vantaggio dai benefici della moderna civilizzazione. Non siate preda della pigrizia, poiché sarà una maledizione per voi e per le generazioni successive. Dovete stabilirvi come esempi di determinazione e lavoro duro. Pianificate il vostro tempo e usate sia i vostri poteri fisici che mentali con un proposito e produttivamente.”
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Testimonianze

Indro Montanelli – Giornalista Italiano – 1982

Intervista con Enzo Biagi, tratta da “1935 e dintorni”, E.Biagi, Mondadori 1982.
“Io ho una grande ammirazione per il negus, un vero uomo senza dubbio, e gli abissini erano gente amabilissima, mai stati nostri nemici, anche durante il conflitto, dovunque andassimo ci accoglievano con feste…” (…)
“Ricordo Haile Selassie come una persona piena di dignità, l’ho conosciuto quando ritornai laggiù: diffidente, furbo, accortissimo, certamente un capo adatto al suo paese, che non accettò mai le offerte che gli furono fatte da noi. Come tu sai, subito dopo gli volevamo dare un grosso appannaggio, farlo re di Rodi o di qualche isola dell’Egeo, il che era certamente più comodo che non andare esule a Londra, povero, perché non aveva soldi esportati. E invece seppe conservare il suo rango, il suo stile, ma soprattutto ebbe questo grande merito: appena rientrato ad Addis Abeba si mise a proteggere gli italiani, non ebbe mai nessun rancore.”
Condividi:
Categorie
Etiopia - Video

Teza – Film di Hayle Gerima, 2008

Un film diretto con grande sapienza da un maestro del cinema africano, che ci offre un profondo spaccato della società e mentalità etiope, e un’intelligente analisi del periodo comunista (1974-1991), del trauma politico vissuto dal popolo a seguito della deposizione dell’Imperatore, e l’instaurazione di un regime materialista e industrialista filo-europeo completamente estraneo alla storia del paese.

Trovate il film integrale, con audio originale e sottotitoli in italiano, qui sul sito della Rai:

https://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-335858f6-de78-4a45-83a2-e3dbb04c752d-cinema.html

 

Condividi:
Categorie
Guerra Italo-Etiopica

I Dreadlocks della Resistenza Etiope

Durante l’occupazione italiana, alcuni soldati della resistenza etiopica facevano voto di non tagliare né pettinare i capelli per tutta la durata della guerra, e così apparvero ai riflettori del mondo i primi “dreadlocks”, prima ancora dei Mau Mau in Kenya e dei Rasta nei caraibi.
Questa pratica si rifà all’insegnamento biblico contenuto nel libro dei Numeri al capitolo 6, ove si parla del voto più importante che un uomo possa fare per ricevere forza e potere speciali – chiamato “Nazireato” (Nazrawi) – che implica l’astensione dal rasoio e dal pettine.
Proprio come il celebre Sansone fu Nazireo dalle lunghe trecce per distruggere in guerra i Filistei e liberare il popolo dalla loro oppressione, così ancora questi soldati vittoriosi custodivano le antiche tradizioni della Bibbia scomparse altrove, ed evocavano poteri ancestrali.
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Vita e Opere

L’Architetto Imperiale Arturo Mezzedimi

His Majesty con Arturo Mezzedimi, eccezionale architetto italiano che costruì la sua brillante carriera in Etiopia al fianco del Re, per la realizzazione dei più importanti edifici dell’Impero, tra cui l’Africa Hall (Sede dell’Unione Africana e dell’ O.N.U.), il Palazzo del Giubileo (Residenza personale dell’Imperatore), il Municipio di Addis Abeba e varie altre sedi istituzionali.
Una personalità cruciale per comprendere il ruolo di grande dignità che gli italiani ebbero nel Regno di Haile Selassie I, grazie alla Sua divina misericordia e intelligenza, e di cui potremmo essere orgogliosi eredi.
Informazioni dettagliate sulla sua vita e sulle sue opere, con molte fotografie degli edifici da lui ideati e sue personali, potete trovarle sul sito ufficiale dell’architetto:
www.arturomezzedimi.it
Condividi:
Categorie
Etiopia - Storia, Costumi e Territorio

La Statua di Menelik II – Addis Abeba

La statua equestre di Menelik II, vincitore di Adwa, fatta erigere da Haile Selassie I e da Lui inaugurata nel 1930, in occasione della Sua Incoronazione.

Si trova proprio dinanzi alla Chiesa di San Giorgio in cui Haile Selassie I fu incoronato.

 

Condividi:
Categorie
Etiopia - Storia, Costumi e Territorio

Il “Portale” di Axum

“A chi bussa sarà aperto”

La misteriosa porta scolpita sull’obelisco monolitico di Axum, nel Tigrai.

Portale Mistico.

Condividi:
Categorie
Etiopia - Bibbia e Profezie

L’Etiopia è il Paradiso Originale di Adamo ed Eva

L’Etiopia è il primo paese – tuttora riconoscibile con il suo nome biblico sui nostri atlanti – citato nella Bibbia, e questa citazione avviene nelle sue primissime pagine, quelle che descrivono la creazione del mondo e dell’uomo, l’origine di tutto.

Nella Genesi (capitolo 2, 10-13), descrivendo il Paradiso (“Ghennete Edom” in lingua etiope), il profeta afferma: “Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, poi di lì si divideva e formava quattro corsi. Il primo fiume si chiama Pison: esso scorre intorno a tutto il paese di Avìla, dove c’è l’oro e l’oro di quella terra è fine; qui c’è anche la resina odorosa e la pietra d’ònice. Il secondo fiume si chiama Ghion: esso scorre intorno a tutto il paese d’Etiopia.”

Secondo la stessa Genesi, capitolo 10, Avila non è altro che una figlia dell’Etiopia, e dunque una regione ad essa contigua. La Scrittura sta perciò descrivendo la Valle del Nilo nelle sue due principali ramificazioni (Nilo Bianco e Nilo Azzurro) come cuore originario del Paradiso Terrestre, lì dove Dio avrebbe posto i progenitori dell’intero genere umano, Adam ed Hewan, e la dimora primigenia dell’umanità.

Ciò è scientificamente confermato da tutti gli studi archeologici e paleontologici, che riconducono all’Etiopia sia il primo ominide (Lucy, l’Austrolopitecus Afarensis, così chiamato poiché ritrovato in Afar, regione dell’Etiopia) che l’homo sapiens più antico (proveniente, guarda caso, dalla Valle dell’OMO, in Etiopia). Recenti studi hanno inoltre dimostrato come l’Etiopia contenga tutto il patrimonio genetico dell’umanità e sia dunque la sua naturale origine storica. La sua GENESI.

“allora il Signore Dio plasmò l’uomo con la polvere del suolo” (Genesi 2, 7). Questo passo indica come l’essenza stessa dell’uomo, di ogni uomo originatosi da Adamo, sia tratta dalla terra dell’Etiopia e, conseguentemente, ad essa si leghi spiritualmente nel destino. Parliamo così di “etiopicità” della natura umana, come di un concetto razziale universale e basilare per la conoscenza di noi stessi. Ecco perché il profeta Geremia afferma:

“Cambia forse un Etiope la sua pelle
o un leopardo le sue macchie?”
(Geremia 13,23)

Ammettendo così che la pelle dell’Etiope sia naturale per la specie umana così come le macchie per il leopardo, e che sia un tratto essenziale ed eterno dell’uomo, ben superiore al concetto assolutamente mutevole di pigmentazione.

“tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere tornerai!».” (Genesi 3, 19). Da quale terra è stato tratto l’uomo, a cui dovrà necessariamente ritornare ? Il Ritorno all’Etiopia risuona ineludibile e inevitabile come la morte stessa, in cui saremo riportati al nero ventre della terra, dacché veniamo dal nero ventre di nostra madre. E’ il tanto celebrato “Ritorno alla Terra”, così come il ritorno alla radice nera che visualizziamo tutti i giorni nel sonno. Aldilà di tutte le chiacchiere degli sciocchi, pare che il Rimpatrio Etiope Universale sia cosa certa e indisputabile come la morte.

Dal punto di vista cristologico, questo implica che Cristo stesso, nel suo carattere di Padre Universale, Uomo Perfetto e sostituto di Adamo per la purificazione dell’umanità dal peccato da lui compiuto, deve essere Etiope, in tutto equivalente ad Adamo:

“Poiché se a causa di un uomo venne la morte, a causa di un uomo verrà anche la risurrezione dei morti; e come tutti muoiono in Adamo, così tutti riceveranno la vita in Cristo (…) il primo uomo, Adamo, divenne un essere vivente, ma l’ultimo Adamo divenne spirito datore di vita.” (I Corinzi 15)

Riguardo a questo mistero, dopo il peccato di Adamo Dio dice, in vista dell’incarnazione della sola Persona del Figlio in Cristo: “Ecco che l’uomo è diventato come Uno di Noi”. (Genesi 3, 22)

Condividi:
Categorie
Guerra Italo-Etiopica

La Vittoria Di Adwa – 1° Marzo 1896

Il 1° Marzo 1896 l’Imperatore Menelik II sconfiggeva l’esercito italiano ad Adwa, nel Nord dell’Etiopia. I soldati Italiani, che avevano occupato l’Eritrea e volevano invadere l’entroterra, furono quasi completamente sterminati, e i pochi sopravvissuti catturati e schiavizzati. Il Governo Crispi cadde immediatamente e la notizia ebbe un tremendo impatto mediatico e politico di portata internazionale.
La vittoria di Adwa fu la prima di un paese Africano contro una potenza occidentale in epoca coloniale: una vittoria che difese la dignità e libertà Africana in tempi di totale oppressione e discriminazione, e che diede speranza di riscatto e liberazione a tutti i poveri e abusati della terra…
Il massimo generale di Menelik ad Adwa fu Ras Makonnen, padre di Haile Selassie I, che combattè eroicamente e fu anche ferito ad una spalla. Haile Selassie I all’epoca aveva soltanto 4 anni, e l’invasione romana fu tradizionalmente interpretata come la “strage degli innocenti” di Erode, che tentò di sradicare il Cristo nella Sua prima infanzia.
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Video

RAI – XX Secolo – L’Imperatore d’Etiopia – di Gianni Bisiach 1996

Rotocalco di Gianni Bisiach andato in onda sulla Rai nel 1996. Puntata interamente dedicata alla vita dell’Imperatore Haile Selassie I.

 

Condividi: