Categorie
Haile Selassie I - Testimonianze

Università di Cambridge – Laurea ad Honorem in Legge – 1924

Cambridge, 18 Luglio 1924
Dr. E. C. Pearce, Vice-Cancelliere dell’Università di Cambridge:
Conferendo a Sua Altezza Reale Tafari Makonnen, la laurea onoraria di Dottore in Legge.
“Il poeta Omero dice che gli Etiopi sono senza colpa. Erodoto dice che vivono a lungo, probabilmente poiché non usano vino. E’ un fatto assodato che la razza che rifiutò il tributo ai Persiani e a Cambise abbia resistito anche ad altri, una razza molto gelosa della sua libertà.  Chi non sa che la Regina di Saba, condotta dalla fama di Salomone, giunse con cammelli portando spezie, oro e gemme, per mettere alla prova il Re con indovinelli, e che tornò al suo paese per essere madre dei re, che attraverso i secoli dovrebbero vantarsi d’essere del seme di Davide ?  Chi non sa della Regina Candace e della Chiesa fondata tra gli Etiopi ? Tutto questo è storia antica, e la fama eterna lo stabilisce. Queste cose e le tradizioni degli Etiopi sono state date più tardi agli Inglesi da un uomo di Cambridge, del Christ’s College.
E’ presente con noi l’erede della Regina Giuditta che, seguendo le orme del suo saggio antenato, come lui supera in sapienza tutti i re dell’Est e dell’Egitto. Non c’è nulla di nuovo e nulla di vecchio che non lo interessi. Egli indaga le antichità Cristiane, ma è anche curioso delle novità. Ha compiuto un volo aereo, scritto libri sui suoi viaggi e su San Crisostomo, e ha tradotto in Amharico gli scritti di Sant’Isacco sull’ascetismo. Questi libri, stampati nella Tipografia di proprietà del Re, li troverete nella Biblioteca della nostra Università. Egli ha inoltre costruito scuole per l’educazione superiore dei ragazzi e del clero della sua terra.
Un così grande re, perciò, di stirpe Reale e carattere Reale, ospite e alleato del popolo Britannico, vi presento Tafari Makonnen, la speranza degli Etiopi.”
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Testimonianze

Nelson Mandela – Presidente e Liberatore del Sud Africa

Conversazione con Richard Stengel
Riguardo al suo incontro con S.M.I. Haile Selassie I.
“Quello era un uomo impressionante, veramente impressionante. Era la prima volta che vedevo… un capo di stato che attraversava tutte le formalità… i movimenti della formalità. Questo tizio venne indossando un’uniforme, e venne e si inchinò. Ma era un inchino che non era un inchino – stava eretto, vedi, abbassò soltanto la testa… allora… prese posto sul suo seggio e si rivolse a noi, ma parlò in Amharico… Allora, alla fine della conferenza, egli vide proprio ogni delegazione… e il commilitone Oliver Tambo mi chiese di parlare per la nostra delegazione, così gli parlai e gli spiegai brevemente cosa stava succedendo in Sud Africa… Era seduto sulla sua sedia, ascoltando come un tronco… senza annuire, soltanto immobile, sai, come una statua… La volta successiva che lo vidi fu quando presenziammo ad una parata militare, e quella fu veramente impressionante, assolutamente impressionante. E lui dava dei riconoscimenti… per i soldati; tutti coloro che si erano diplomati ricevevano un certificato… Una cerimonia molto buona – un tizio veramente dignitoso – e dava anche delle medaglie. C’erano dei consiglieri militari Americani e gruppi di consiglieri militari da vari paesi… E così diede delle medaglie anche a questi tizi. Ma vedere dei bianchi andare da un Monarca Imperatore Nero e inchinarsi, fu anche molto interessante.”
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

I Principii Fondamentali delle Relazioni di Buon Vicinato

“Nei suoi rapporti internazionali, l’Etiopia ha aderito ai principii guida del non-allineamento, dell’amicizia, del mutuo rispetto e della non-interferenza negli affari interni degli altri stati. Questi principii generali che l’Etiopia segue in accordo con altri stati, abbracciano le sue relazioni con tutte le nazioni, vicine e lontane. In Africa, sotto l’ombrello di una famiglia continentale, l’Etiopia ha scrupolosamente seguito questi principii – la base delle buone relazioni di vicinato.”
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Etiopia - Storia, Costumi e Territorio

Il Monte Zion

Pensano che quando dici “Monte Zion” sia un’espressione simbolica e poetica… guarda l’Etiopia dove sta… con i suoi 2400 m, Addis Abeba è la capitale più alta dell’Africa.

“Le fondamenta sono sui Santi Monti” (Salmo 86/87)

 

Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Proteggere Alberi e Foreste

“Le risorse forestali del Nostro Impero costituiscono uno degli elementi più importanti di ricchezza della Nostra terra. Quando le Nostre foreste sono propriamente conservate, esse proteggono il suolo fertile dell’Etiopia dall’erosione, e rendono il paesaggio verde e bello. Ma quando le foreste sono trascurate e gradualmente distrutte, la ricchezza della Nostra terra viene progressivamente ridotta e il paese diventa lentamente brullo e sterile.
Il taglio della legna è un’importante fonte di introito per la nostra popolazione rurale. Ma il suo tagliare senza necessità e il suo abuso di legname stanno a dimostrare chiaramente che essa non comprende l’importanza grande e di vasta portata della preservazione delle Nostre foreste.
Gli utilizzi degli alberi sono molti e vari. I boschetti di alberi proteggono i nostri campi e le nostre piantagioni dall’essiccazione ad opera dei venti del deserto, che soffiano dalle regioni vicine. Durante i mesi estivi, essi forniscono umidità e ombra. Se non verranno immediatamente piantati altri alberi per rimpiazzare quelli abbattuti di tempo in tempo, i Nostri costanti sforzi per conservare e sviluppare la ricchezza del Nostro paese – per il benessere delle generazioni presenti e future – saranno resi inefficaci e futili. Siamo grandemente addolorati nell’osservare come molte migliaia di gasha di ricca terra forestale vengano distrutti ogni anno dal taglio avventato di legname, dallo sconsiderato incendio delle foreste, dal pascolo forestale sregolato, e da altri abusi della Nostra ricchezza forestale, dovuti all’ignoranza popolare e al desiderio di vantaggio temporaneo da parte del Nostro popolo.”
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Seguite l’Esempio delle Api

“L’Etiopia e il popolo Etiope hanno passato un altro anno nel loro riuscito adoperarsi per una vita migliore, e un inventario dell’anno passato ci rende fiduciosi di continuare i conseguimenti in questo Nuovo Anno e negli anni innanzi. Questo avviene perché le fondamenta che abbiamo deposto e continuiamo a deporre, mentre viaggiamo sulla strada maestra del progresso, assicurano la stabilità e resilienza di una sovrastruttura che siamo impegnati a costruire sotto il moderno Etiopianismo. La splendida cooperazione e collaborazione in mezzo al nostro popolo, e il suo risoluto adoperarsi per educazione e illuminazione, portano alla mente quelle proverbiali indaffarate operaie – le api – che combinano i loro sforzi e il loro lavoro per il bene comune”.
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Dio si esprime meglio in Lingua Etiope

“Prego l’Assemblea di scusarMi se non Mi esprimo in francese come avrei voluto. Dirò meglio tutto il mio pensiero, con tutta la forza del mio spirito e del mio cuore, parlando in lingua amharica”.
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Jah Aiuta Chi Si Aiuta

“Etiopi, abbiate il coraggio di predisporvi. A meno che non miglioriate la vostra sorte con il sudore della vostra fronte, nessuno si accollerà le vostre responsabilità. A condizione che perseguiate il vostro compito con dedizione incrollabile, Noi, da parte Nostra, faremo tutto il possibile per assistervi nella vostra marcia in avanti”.
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Insegnamenti

Usate i vostri Poteri Produttivamente

“In particolare, la nostra gioventù deve essere decisa e trarre vantaggio dai benefici della moderna civilizzazione. Non siate preda della pigrizia, poiché sarà una maledizione per voi e per le generazioni successive. Dovete stabilirvi come esempi di determinazione e lavoro duro. Pianificate il vostro tempo e usate sia i vostri poteri fisici che mentali con un proposito e produttivamente.”
– Sua Maestà Imperiale Haile Selassie I –
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Testimonianze

Indro Montanelli – Giornalista Italiano – 1982

Intervista con Enzo Biagi, tratta da “1935 e dintorni”, E.Biagi, Mondadori 1982.
“Io ho una grande ammirazione per il negus, un vero uomo senza dubbio, e gli abissini erano gente amabilissima, mai stati nostri nemici, anche durante il conflitto, dovunque andassimo ci accoglievano con feste…” (…)
“Ricordo Haile Selassie come una persona piena di dignità, l’ho conosciuto quando ritornai laggiù: diffidente, furbo, accortissimo, certamente un capo adatto al suo paese, che non accettò mai le offerte che gli furono fatte da noi. Come tu sai, subito dopo gli volevamo dare un grosso appannaggio, farlo re di Rodi o di qualche isola dell’Egeo, il che era certamente più comodo che non andare esule a Londra, povero, perché non aveva soldi esportati. E invece seppe conservare il suo rango, il suo stile, ma soprattutto ebbe questo grande merito: appena rientrato ad Addis Abeba si mise a proteggere gli italiani, non ebbe mai nessun rancore.”
Condividi: