Categorie
Ge'ez - Etiopico Antico

Il Significato della Parola Ge’ez ግእዝ

La parola G(e)(e)z ግእዝ (da cui la variante ግዕዝ) significa fondamentalmente 4 cose:
1) PRIMO. Il primo grado di vocalizzazione, la prima vocale, è chiamata “Ge’ez“, poiché è la prima lingua, quella del Verbo di Dio che era in Principio, che Dio usò per creare l’intero mondo dicendo e parlando, e per comunicare con Adamo dopo la sua creazione. E’ il linguaggio del Tempo (ጊዜ “Ghizie“), il più antico, eternamente esistente attraverso le epoche. Quello che c’era quando il tempo fu fondato, e che resterà fino alla fine.
La vocale “Ge’ez” è anche considerata lo stato naturale e semplice di una lettera. Questo significa che il Ge’ez è la “Lingua Pura” di cui parla il profeta Sofonia, l’unica parlata nel mondo sino alla confusione della Torre di Babilonia, e che Cristo doveva messianicamente restaurare. Quella che esce dalla bocca del Creatore, Colui che ci ha creati attraverso questo stesso Linguaggio, senza alcuna sovrastruttura umana.
Ge’ez è anche il primo stile del canto liturgico tradizionale, insieme all’ “Ezil” e all’ “Araray“, e rappresenta la Persona del Padre, Origine di Tutto.
2) LIBERO. Poiché è la lingua del popolo Etiope sempre libero, libera dalla maledizione di Babilonia, dal suo inquinamento peccaminoso e dalla sua confusa e artefatta convenzionalità. E’ la Lingua del Signore (እግዚእ “Egzie“) in piena sovranità e potere sulla Creazione, in cui il nome non è una casualità storica, ma EVOCA l’essenza reale della cosa, in un sistema logico e gematrico teologicamente e scientificamente coerente.
Nelle invocazioni del testo tradizionale etiopico “Wuddase Maryam“, si dice che “Cristo ha liberato Adamo”, “AGEEZO Le Adam“, poiché in principio gli insegnò a parlare in questo modo, e a sciogliere così la sua mente e la sua lingua.
3) COSCIENZA o ESSENZA SPIRITUALE. Perché la nostra natura è stata creata attraverso questo linguaggio, 22 cromosomi base come 22 lettere maggiori (Arcani), il nostro DNA è scritto in questo codice, e il nostro spirito parla naturalmente Ge’ez (Voce della Coscienza), e lo riconosce come propria sostanza.
4) L’ETIOPIA STESSA, com’è tradizionalmente chiamata nei Libri Santi “Bhiere Ge’ez“, la Provincia del Ge’ez.
Apprendere questa lingua significa dunque molto di più che affrontare uno studio grammaticale. Significa conoscere i misteri più profondi della Parola come arte marziale, disciplina tecnica e pratica mistica; interpretare filologicamente lo sviluppo di tutti i linguaggi umani a partire dal comune Archetipo originale; comprendere i concetti in maniera onomatopeica e immediata; trarre conoscenza naturale dalle parole ancestrali di cui la natura è riflesso.
Chiunque sia interessato a conoscere questa disciplina può farlo partecipando al nostro Corso di Studi On-Line “Fondamenti di Ge’ez”, che permette di acquisire le competenze basilari per leggere e tradurre la Scrittura Santa, apprendere le preghiere etiopi fondamentali e le forme elementari di dialogo.
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Profezie

Ci restituisce la Lingua Pura Originale smarrita a Babilonia

“In quel giorno darò ai popoli una lingua pura
perché invochino tutti il nome di Egziabhier
e Lo servano tutti sotto un solo giogo.
Dai fiumi dell’Etiopia Gli porteranno il sacrificio.
Sofonia 3, 9-10
Condividi:
Categorie
Chiesa Ortodossa Etiope

Il Libro di Enok – Primo Libro della Bibbia e della Storia

Il Libro di Enok è il primo libro biblico dato da Dio all’uomo nella storia, prima del diluvio universale. E’ scritto che Noè portò con sé questo libro nell’Arca.
E la tradizione etiopica ci dice anche che questo è il primo libro della storia in assoluto, poiché Enok, scriba di Dio che scrive sul Libro della Vita, fu il primo a conoscere i misteri della Scrittura, e il Signore lo portò nei cieli per contemplare la forma delle lettere: prima di allora, infatti, esse venivano soltanto pronunciate, e la tradizione profetica si tramandava soltanto oralmente.
In questa veste, Enok è conosciuto presso gli Egiziani come Toth (L’Ibis che ha il becco come una penna) o Ermete Trismegisto presso i Greci, da cui poi uscirà il nome Idrissa (tris), con cui è descritto nel Corano. Egli era Etiope, 7° discendente di Adamo l’Etiope, così come tutti i padri primordiali sino a Noè.
Sebbene gli Occidentali abbiano completamente rimosso questo testo dal loro canone biblico, ancora lo troviamo citato esplicitamente nella lettera di Giuda: “Profetò anche per loro Enok, settimo dopo Adamo, dicendo: ‘Ecco, il Signore è venuto con migliaia e migliaia dei suoi angeli per sottoporre tutti a giudizio, e per dimostrare la colpa di tutti riguardo a tutte le opere malvagie che hanno commesso e a tutti gli insulti che, da empi peccatori, hanno lanciato contro di lui’.” (Giuda 1, 14-15). Se dunque gli apostoli leggevano questo testo con autorità profetica, com’è possibile che sia scomparso dalla Bibbia delle Chiese Apostoliche ?
In verità, questo testo fondamentale (cronologicamente il primo della Bibbia) è custodito dalla sola Chiesa Etiope, e lo conosciamo integralmente soltanto in lingua Etiope. Per questa ragione, la Bibbia Etiope si rivela l’unica Bibbia completa del mondo, oltre che la più antica.
Il testo, citato abbondantemente nell’escatologia neotestamentaria, è fondamentale per comprendere la teologia messianica regale e l’idea di un regno di libertà (millenarismo) governato personalmente da Cristo sulla terra.
Molti padri apostolici e molti esponenti delle comunità cristiane dei primi secoli parlano del Libro di Enok e testimoniano a favore della sua canonicità. Fu perciò rimosso e occultato successivamente, poiché considerato pericoloso per il sistema politico filo-imperiale della chiesa romanizzata, e per la sua falsificazione spiritualistica ed eurocentrica della fede.
Condividi:
Categorie
Haile Selassie I - Vita e Opere

La Firma di Sua Maestà Haile Selassie I

Firma di Sua Maestà
ቀ. ኃይለ ሥላሴ ን. ነ.
Q. (Qedamawi, “Primo”),
Hayle (“Potenza della”),
Selassie (“Trinità”),
N. (Neguse, “Re dei”),
N. (Negest, “Re”, al plurale).
Condividi: