Categorie
Bob Marley

Rifiutare la loro Educazione Coloniale

INTERVISTATORE: “Chi ti ha influenzato ?”

MARLEY: “Beh, penso che le mie influenze maggiori vengano da Marcus Garvey e Haile Selassie.”

INTERVISTATORE: “Per quello che hai ascoltato riguardo a Garvey quando eri ragazzo o per quello che hai imparato adesso che sei cresciuto, o cosa ?”

MARLEY: “Per quello che ascoltiamo, quello che leggiamo, e quello che sappiamo di lui adesso.”

INTERVISTATORE: “Hai imparato riguardo a Garvey a scuola?”

MARLEY: “No, no. Vedi che non lo insegnano… è l’educazione che non acquisiamo a scuola. Non acquisiamo quel tipo di educazione per cui quando cresciamo sappiamo chi è. Acquisiamo educazione per poter conoscere chi sia Cristoforo Colombo, o chi sia Marco Polo, sai ? Ma non abbiamo mai saputo davvero chi fosse Marcus Garvey o Haile Selassie o qualsiasi uomo nero.”

Intervista con Gil Noble, New York 1980

Condividi:
Categorie
Musica Regale

Una Musica Rivoluzionaria dal Messaggio Divino

“La vera barriera è il sistema (shit-stem). Il suono dell’heartbeat sincopato del one-drop ha il potenziale per dilagare ovunque. La musica è già buona, ma il sistema è tarato per tenere la musica reggae sotto controllo. Vedi, il reggae è spiritualmente rivoluzionario, e il messaggio è divino. Il contenuto del messaggio apre gli occhi della gente verso i mali del sistema, e così non può essere incoraggiato dal sistema, poiché dentro la musica ci sono i semi della distruzione del suddetto sistema. Ma la musica è contagiosa come un germe, così deve germinare e tutto quello che possono fare è ritardare il processo… deve accadere ! Il sistema deve esplodere per il conflitto, modificarsi per gestire la pressione, o trasformarsi in un nuovo giorno.”
Ras Peter Tosh, Intervista con Bagga Brown, 1983
Condividi:
Categorie
Musica Regale

Peter Tosh – Il Rasta Vive la Bibbia

Intervistatore: “Leggi la Bibbia ogni giorno?”
Peter Tosh: “No, io vivo la Bibbia ogni giorno. Ci sono persone che leggono la Bibbia ma non vivono la Bibbia. Leggere la Bibbia non salva la tua anima, perché la Bibbia è soltanto un’altra versione di una versione. E la verità è stata distorta per creare conflitti e far sì che la gente si perdesse nell’illusione. Così, per soddisfare quelli che dipingono un mondo di fantasia. Ma io conosco queste cose, e siamo anime reincarnate da quel tempo, e sappiamo chi eravamo a quel tempo. La Bibbia dice: “Cerca e troverai“. E quando cerchi di trovare te stesso, troverai te stesso; “Bussa e sarà aperto”, le porte della sapienza sono aperte. E quando prego non chiedo ricchezza. Io chiedo sapienza e conoscenza e comprensione. E protezione dai mali che sono in agguato nei luoghi oscuri. Così questo è il modo in cui devo vivere.
Vedi che la filosofia del Rastaman non è nulla di nuovo. Nulla del diciottesimo, del diciannovesimo o del ventesimo secolo. Risale all’origine della terra. Non è una religione. E’ un modo di vivere tradizionale. Come discepoli di Cristo.”
Intervista con John Swenson, 1981
Condividi:
Categorie
Poesia Spirituale

Jah Marley

Sia lode al Profeta
della Tribù di Giuseppe
venduto per la moneta
in terra straniera
egiziana della serpe,
la sua vita
colonizzata
ghettizzata
e tuttavia seppe
tornare in patria
trionfante
la maledizione ruppe
da cantante
del Re
annunciatore potente
che allieta,
con la sovranità
completa
della cultura
Africana
ed Etiope
maestro del reggae
la vibrazione
regale
che rende
la testa quieta
libera la mente
da tutte le fisime,
icona
dell’incanto
che ti colpisce
ma sei contento
che ti percuote
senza lamento
e devasta
Sodoma
con le liriche
semplici
ed intime,
dovrebbe essere
analfabeta
mentre snocciola
l’ennesima
perla di coscienza
assoluta
la verità è un offesa
è l’ultimo
che ride
che poi vince,
Jah Vive
nell’ombra segreta
ecco nella carne
un altro re elegante
manifesta
la supremazia
che non si divide
ma s’eredita,
un regno
di prìncipi e regine
che marcia
coesa
su linee continue
e noi tutti
condotti a Rastafari
dalla voce
delle sue musiche
mistiche,
Hon. Robert Nesta
Marley Om
mago delle metriche
padre della fede
nell’occidente
neopagano Siòl
le bellezze
profetiche
del nazireo
coronato
da trecce
archetipiche,
ha abbattuto
pregiudizio
e critiche
contro mulatto
e razza nera
ha riscattato
l’onore
con la carriera
testimoniato
che non c’è liberazione
nell’ideologia
del milite,
del loro partito
di confusione
europea
soltanto l’Imperatore
è cosa seria
aldilà delle dispute,
tanto pericoloso
per l’anima
assatanata
da tendergli
un’imboscata
quella sera
ma proiettile
che tema
non c’era
riprese
la battaglia
con maggiore lena
invincibile,
battezzata
e purificata
la sua statura
appena prima
che morisse
a questa vita
dura
come neonato
fu consegnato
al giudizio
della storia
visibile,
Berhane Selassie
Luce della Trinità
Invisibile
fu consacrata
la sua funzione
rivelatoria
campeggia
la Sua Statua
nella piazza
ad Addis Ababa
i bambini
lo cantano
a memoria
è irripetibile.

 

Condividi:
Categorie
Bob Marley

Il Potere Spirituale della Musica

Giornalista: “E’ vero che lei prega con la musica e così si sente più vicino a Dio?”
Marley: “Certamente. La musica è molto importante. E’ un ottimo modo per pregare ed essere vicini quanto più possibile a Dio, predicare le sue verità; proporlo a chi non lo conosce di modo che possa gioire nella fede.”
Bob Marley, Intervista con Marco Basso, Torino 1980
Condividi:
Categorie
Bob Marley

La cattiva interpretazione della Bibbia

Giornalista: “Nelle tue canzoni spesso fai riferimento alla Bibbia, ma molti giovani che stanno venendo al tuo concerto non credono più nella Bibbia…”

Bob Marley: “E’ per il modo in cui è stata loro insegnata la Bibbia, che non è il modo della Bibbia. Capisci cosa intendo ? Perché se io vivessi in quel mondo in cui va avanti l’interpretazione quotidiana della Bibbia, allora anche io odierei la Bibbia. Ma adesso che abbiamo trovato la giusta via della Bibbia, la Bibbia deve essere amata. Poiché la Bibbia è la registrazione della creazione dell’uomo. E’ l’unico libro che può mostrarti da dove è iniziato il genere umano, senza alcun pregiudizio, senza arroganza, senza orgoglio, senza nulla di tutto ciò.”

Bob Marley, Intervista a Zurigo, 1980

Condividi:
Categorie
Bob Marley Musica Regale

Il Battesimo Etiope dei Wailers

Sapevate che tutti e 3 i membri dei Wailers, Bob Marley, Peter Tosh e Bunny Wailer, sono membri battezzati della Chiesa Ortodossa Etiope ? Questo fa sì che essi siano seppelliti con funerale etiopico e tradizionalmente.
Quando si viene battezzati si riceve un nuovo nome in Ge’ez, che descrive l’essenza spirituale della persona. Questo nome esiste da prima dei tempi ed è rivelato da Dio al Sacerdote.
Il nome di Battesimo di Bob Marley è Berhane Selassie , che significa “Luce della Trinità”. E’ infatti colui che più di tutti ha illuminato le menti del popolo e diffuso la conoscenza spirituale di RastafarI
Il nome di Battesimo di Peter Tosh è Mengeste Sema’tat, che significa “Regno dei Martiri”. In effetti, lui era quello probabilmente più guerriero, che è morto assassinato per arma da fuoco.
Il nome di Battesimo di Bunny Wailer è Fessha Tzyon, che significa “Gioia di Zion”. Effettivamente, è quello che ha vissuto più a lungo, ritirato, nella purezza della campagna.
Onore a questi 3 patriarchi che ci hanno mostrato la via amando Haile Selassie I come il Padre e l’Etiopia come la Madre.
Condividi:
Categorie
Musica Regale

Sizzla Kalongi bacchetta gli Artisti Reggae Rasta

Sizzla Blasts Rastafarian Reggae Artists For ‘Being Hypocrites Unto To Themselves, Haile Selassie And Jamaica’

“Abbiamo un sacco di artisti Rasta, facciamo milioni di dollari dal nome e dalla cultura di Rastafari – dobbiamo cominciare con noi stessi; non stiamo andando al tabernacolo. Non conosciamo la venerazione; non conosciamo l’inno dell’Etiopia; non conosciamo i Salmi; non sappiamo come tenere la bandiera. Non sapete nulla di un Binghi; non sapreste fare nulla a Bobo Hill, ma cantate delle belle ragazze”

“Ho bisogno di vedere Buju Banton, Capleton, Bugle, Sizzla, tutti gli artisti della Jamaica che hanno i locks sulla testa, che quando giunge il compleanno di Selassie (23 Luglio, ndt) si suppone stiano al tabernacolo; una volta che portate il turbante sulla testa, si suppone che stiate alle Twelve Tribes, con i Nyabinghi o all’Ethiopian World Federation, o presso una Chiesa Ortodossa Etiope”.
Sizzla Kalongi
Condividi: